Presentazione

MASCI Abruzzo

Alla scoperta del Gran Sasso d’Italia verso Amatrice

 

Gli adulti scout testimoniano il loro fraterno legame con la montagna  perché il Gran Sasso mantiene, malgrado tutto, intatto il suo fascino.

Mini Routes
15 giugno- 6 luglio- 20 luglio 2017

Perché questa impresa ?

Sul numero di “Strade Aperte” di marzo di quest’anno, a firma del Comitato Esecutivo, viene lanciata la formula delle “mini routes” da organizzare nel teramano e nel maceratese della durata di 3/4 giorni.
Non potevamo non soffermarci su questo annuncio che sapeva di invito, ma anche di esortazione a fare.
Ci siamo  detti: perché no?!?
Anche in Consiglio Regionale ci si è resi conto  che l’assunzione di un simile incarico non era trascurabile!
Oltre alle tre mini routes, anche una Isola della Competenza sui nuovi stili di vita: si trattava di un impegno già preso che si affiancava a queste escursioni che dovevano essere di richiamo per gli adulti scout di tutte le regioni d’Italia.
Poi, come succede, l’idea comincia a prendere forma e ci si affeziona all’ipotesi.
Adesso, a qualche giorno dal primo evento, nessuno pensa di tornare indietro: del resto, se non ora, quando per dimostrare che l’Abruzzo, pur avendo subìto un innevamento senza precedenti, con l’aggravante di continue scosse di terremoto, frane,  sospensioni prolungate di energia elettrica, ha tutta la voglia di rialzare la testa?
Pensiamo allora che, semplicemente, il saper stare  vicini alla nostra regione può essere espresso in un modo e con uno stile molto particolari: quello di essere scout!

Ernesto, S.R. MASCI Abruzzo

 

 

Staff delle Mini Routes

La Comunità del Teramo 1: magistra Matilde
La pattuglia organizzativa: Ernesto, Claudio, Luciano, Terzino, Danilo, Lino

Collaborano alla migliore riuscita delle Mini Routes, inoltre:

  • Nerito di Crognaleto : Pro Loco Presidente Antonio Filipponi, Signora Carmela Di Tommaso;
  • Fano Adriano : Associazione “I grignetti” – Carlo Di Bonaventura, Antonio D’Agostino.

La Bottega dei sapori

  • Don Claudio Paesani Parroco di Nerito

Le mini routes si svolgono : dal 15 al 18 giugno 2017;
                                             dal   6 al   9 luglio  2017;
                                             dal  20 al  23 luglio 2017.

Nelle pagine che seguono, viene data una illustrazione delle tre località del Gran Sasso teramano che attraverseremo. Sarà un modo per immergersi in un ambiente suggestivo che sicuramente sentirete più “vostro” …..

 

 

Poggio Umbricchio

Poggio Umbricchio è un paese abbarbicato ad uno sperone di roccia ed è parte del comune di Crognaleto.
Non sempre però è stato così: se risaliamo all’11 giugno 1356, scopriamo che Poggio Umbricchio aveva un legame fraterno con la Repubblica di Senarica, la più piccola del mondo.
Senarica mantenne la sua indipendenza per oltre quattro secoli: dal 1356 al 1797: si narra che avesse sancito un accordo con la Repubblica di Venezia, a cui dava un contributo per “incrementare” la guarnigione nella misura di un fante e di un mulo.
I libri di storia ricordano che, cessata di esistere la Repubblica di Senarica, Poggio Umbricchio iniziò ad avere una vita turbolenta, fino ad un duplice fatto di sangue avvenuto il 2 aprile 1799, quando dei briganti uccisero il Parroco del paese, Don Giovanni Cesarini ed anche il nipote, Berardo.
Il paese rimase sempre piccolo e di ridotta popolazione: nel 1804 gli abitanti risultavano essere 251.
Dobbiamo attendere il 1813 per vedere Poggio Umbricchio diventare parte integrante del Comune di Crognaleto.
Il paese, seguendo le sorti di molte località della montagna subì, dagli anni cinquanta ad oggi, un progressivo spopolamento. Arrivando negli ultimi anni ad essere quasi disabitato, soprattutto nei mesi invernali.

Passiamo adesso a parlare della ex scuola elementare, quella per intenderci, che era la precedente funzione dello stabile in cui adesso trova ospitalità la Base Scout “Paolo Imbriani”  del MASCI.
Il primo anno scolastico in cui la scuola fu operativa è indicato essere il 1960/61.
Una scuola che, per essere di montagna, era abbastanza frequentata se è vero che funzionavano tutte e cinque le classi e gli alunni erano arrivati ad essere quaranta.
Così l’attività scolastica, molto fiorente e significativa per il territorio, proseguì fino a cessare nel 1987.
Lo stabile fu abbandonato ed andò incontro ad un deterioramento progressivo fino a che la Comunità MASCI Teramo 1, circa 20 anni dopo quella cessazione dell’attività didattica, trovò interessante insediarsi in un fabbricato che permettesse agli scout di fare attività e, al tempo stesso, contribuisse al ripopolamento di una montagna che era andata incontro a questo decremento della popolazione.
La scelta non fu semplice e neppure indolore: addirittura ci furono componenti della Comunità che dichiararono di non voler avere a che fare con un gruppo che si avventurava in una impresa così rischiosa: le titubanze e gli allarmi non mancarono, di tutti i tipi. Però ormai la scelta era compiuta e indietro non si tornava.
Fu stipulato un accordo a titolo di comodato gratuito per 9 anni rinnovabili (proprio adesso è stato confermato l’accordo per avvenuta scadenza del primo mandato) con il Sindaco dell’epoca di Crognaleto Pietro Ceci.
L’avventura aveva inizio e la “bicocca” come affettuosamente era definito il fabbricato con il tetto sfondato e le mura sgretolate, andò incontro ad un’opera certosina di rifacimento che oggi sembra incredibile che ci sia stata tanta costanza, tanta abnegazione, tanta volontà di non farsi sopraffare dalla imponenza del lavoro da effettuare.
Sembrava un miracolo, ma come per incanto tutti avevano comunque qualcosa da parte “per Poggio Umbricchio” per cui oltre alle ore di lavoro da dedicare al rifacimento del fabbricato, “fioccavano” arredi dismessi, stufe custodite nelle soffitte, lavandini in disuso e tanto altro materiale con cui fu possibile portare i vani nella situazione odierna.
Per non parlare delle attività che hanno fatto da cornice alla presenza delle comitive escursionistiche che hanno popolato la Base: merita un rilievo a parte la Estemporanea di Pittura “Suggestioni in un borgo” aperto ad artisti che si sono recati a Poggio per “immortalare” uno scorcio del paese ed essere poi valutati e premiati da una Giuria di esperti: manifestazione che si è ripetuta in ben quattro edizioni.
Era davvero un orgoglio poter vantare, lungo la Strada Statale che collegava (SS.80) Teramo con L’Aquila, un luogo in grado di far soggiornare fino a 24 persone a condizioni estremamente economiche, in quanto non vi sarebbe stato alcun interesse in questa operazione, se non quella di contribuire a far fare un percorso inverso e cioè quello di far ridestare interesse per la montagna.
La Base di Poggio Umbricchio figurava sul sito MASCI tra le Basi scout italiane
I dati di questa iniziativa sono davvero soddisfacenti : dal 2007 al 2016, la struttura ha ospitato 70 gruppi assicurando, con la loro permanenza, una fruibilità dello stabile pari a 280 gg.
Le persone ospitate sono state 1400 di ambo i sessi , con provenienza che spaziano dalla Puglia al Lazio, alle Marche, al Piemonte al Friuli Venezia Giulia oltre, ovviamente, l’Abruzzo.
Inoltre la Comunità MASCI Teramo 1 avrebbe permesso alla Pro Loco di Poggio Umbricchio, di avvalersi di una sede che gli adulti scout avrebbero condiviso con gli abitanti dediti all’animazione delle feste locali: viene infatti concessa la sede in uso nel periodo di agosto e durante le festività dei Santi (in pratica quando Poggio si ripopola di “romani” che poi sarebbero i nativi di Poggio emigrati nella Capitale e relativi figli e nipoti).
La Base di Poggio Umbricchio, benedetta da Mons. Michele Seccia nel corso di una delle sue prime visite pastorali, ha ospitato anche sacerdoti, come Don Giovanni Bruni, che hanno iniziato proprio a Poggio Umbricchio, la propria attività di “cura delle anime” che hanno così, venendo nella sede scout, ripercorso il loro cammino di supporto spirituale alla comunità.

 

Fano Adriano

Fano Adriano: denominazione, forse derivante da Fanum Adriani, nome già in uso al tempo degli antichi romani che vi abitavano come dimostrerebbero i probabili resti di un tempio situati sul colle San Marcello. Il paese viene citato sui documenti ufficiali per la prima volta dalla metà del Quattrocento. In quel periodo il borgo era feudo di Giacomo Antonio Orsini. Quindi il possesso passò ad Antonello Petrucci, Pardo orsini ed agli Alarcon Mendoza. Solo nel 1806 è divenuto paese autonomo.
Piace a questo punto, dare una descrizione demografica di Fano, come paese rappresentativo della montagna, per dare la descrizione numerica e considerare quali oscillazioni in termini di numero di abitanti, ha registrato dal 1861 ad oggi:

I Fanesi nel 1861 erano 1350, dieci anni dopo balzavano a 1491, rimasti stazionari del 1881 (1481). Nel 1901 un incremento: diventano 1603 e passano a 1780 nel 1911 fino a raggiungere un incremento ulteriore, seppur di poco, nel 1921: diventano 1785.
Da quel momento in poi comincia il decremento : nel 1931 scendono a 1735, nel 1936 diventano 1640, nel 1951 il decremento è vistoso: 1481. Addirittura nel 1961 siamo sotto il migliaio: gli abitanti registrati sono 838, nel 1971 scivolano a 619, per contrarsi ulteriormente nel 1981 quando diventano 553.
L’emorragia è ormai inarrestabile: nel 1991 gli abitanti sono 432, mentre nel 2001 diventano 392 e nel 2011 si contano appena 354 abitanti ( che poi andranno suddivisi tra residenti ed effettivi domiciliati).
Certamente questa involuzione della popolazione, come già precisato, non riguarda solo Fano Adriano, ma l’intera montagna che, priva di mezzi di effettiva sussistenza e povera di opportunità da offrire ai giovani, ha visto contrarre sempre di più la popolazione.
Qualcosa si può, qualcosa si deve fare: una idea che nel MASCI circola da tempo è che, intanto che le istituzioni trovano il modo di promuovere azioni attrattive  per l’interno, sarebbe auspicabile che si instaurino dei “gemellaggi” o altre azioni di affiancamento con le quali destinare ciascun paese della montagna in affido ad un movimento, associazione, società sportiva, ecc.
La formula potrebbe essere che quel sodalizio riceve in concessione, a titolo di comodato gratuito, una sede nel territorio comunale, ma a condizione che assicuri, nel corso dell’intero periodo di questo accordo, almeno una manifestazione l’anno a carattere provinciale o regionale e, almeno ogni tre anni, una manifestazione a carattere nazionale. La durata andrà concordata e l’intento è che queste persone, venendo, consumino i prodotti del territorio.
Articolando queste manifestazioni con un calendario inter comunale, sarà bene che tutti gli eventi abbiano svolgimento che non si sovrappongano, affinché i convenuti potranno trovare ospitalità anche in paesi vicini.

Torniamo però a Fano Adriano, paese sito lungo la valle del Vomano, che ha un caratteristico aspetto medievale e conserva edifici di un certo interesse. Tra i fanesi insigni, va ricordato Carlo Riccioni, uno delle personalità artistiche più interessanti del barocco abruzzese.
Annoveriamo infine, Don Giuseppe Zilli, giornalista e fondatore di alcune testate di ispirazione cattolica, nonché direttore per molti anni del settimanale “Famiglia Cristiana”.

 

Crognaleto

Crognaleto denomina un vastissimo territorio sito sulle pendici orientali dei Monti della Laga, caratterizzato da folti boschi di faggio e querce, si estende sui due versanti della Valle del Vomano.
Faceva parte della Comunità Montana del Gran Sasso oggi soppressa e ricade all’interno del Parco Nazionale del gran Sasso e Monti della Laga.
Transita qui un tratto della grande Ippovia del Gran Sasso.
Per dare una misura della estensione di questo territorio, è sufficiente valutare la consistenza delle frazioni che sono Aiello, Alvi, Cervaro, Cesacastina, Frattoli, Macchia Vomano, Nerito (sede del Municipio), Piano Vomano, Poggio Umbricchio, San Giorgio,Santa Croce,  Senarica, Tottea, Valle Vaccaro. A queste va aggiunta la località di Crognaleto che dà il nome all’intero comprensorio comunale.
Insediamenti sono attestati in epoca pre-romana e romana, ma gran parte degli attuali centri abitati sembra avere origini medievali. Il territorio lungo la Valle del Vomano era interessato al passaggio di quella che pare fosse la Via Cecilia.
Le prime notizie appaiono sul finire del XIII secolo quando la vicina Amatrice rivendicava il possesso di alcune località ora facenti parte del Comune.
L’attuale comune fu istituito nel 1813 durante l’occupazione napoleonica. Crognaleto, in precedenza facente parte del comune o “università” di Roseto, insieme al territorio che diventerà Comune di Cortino, fu dichiarato comune autonomo, raccogliendo come frazioni numerosi centri abitati che in precedenza costituivano per lo più essi stessi delle universitates dotate di una loro autonomia.
Questo territorio nel gennaio e febbraio di quest’anno, è stato sottoposto ad un innevamento di proporzioni enormi al punto da considerare estremamente calamitoso proprio questo fenomeno, a cui si è aggiunto il sisma.
Va detto che molte stalle che custodivano animali (bovini, suini, ovini e caprini) sono state letteralmente distrutte e con esse, molti capi di bestiame lì ricoverati.
Probabilmente occorre ripensare ad un sistema di messa in sicurezza assolutamente innovativo ed in forte discontinuità con il sistema corrente che ha dimostrato la sua vulnerabilità al cospetto di una furia nevosa che non è detto non si ripeta.
La solidarietà è comunque arrivata in modo tangibile: nella frazione sede del municipio (Nerito) la impresa svedese IKEA ha ottenuto il terreno per la realizzazione di una scuola ecocompatibile, attrezzata di grandi vetrate, realizzata dal suo momento iniziale, costruita nell’arco di 45 giorni.
L’augurio è che impegni solidali simili , oltre a dotare il sistema urbano di una dotazione di servizi alla persona secondo le più aggiornate tecnologie, stimolino in modo risoluto il territorio perché si renda davvero promotore di iniziative per una ripresa che significa prima di tutto e soprattutto, incremento dei flussi di ritorno.

 

Programma di ogni Mini Route

I partecipanti arrivano in località Poggio Umbricchio di Crognaleto presso la Base Scout “Paolo Imbriani” alle ore 17.00 circa del giovedì.
Prendono alloggio e stabiliscono una confidenzialità con gli altri componenti.
Quando tutti sono giunti alla Base, ha svolgimento l’alzabandiera che solennizza l’inizio della Mini route.
Alle ore 19.30 circa si cena.
Alle ore 21.00 ci si trasferisce all’esterno della base per il Fuoco di Bivacco.
Alle ore 23.00 circa il FdB ha termine e si va a dormire.
Il venerdì alle ore 7.00 c’è la sveglia, a cui fa seguito la pulizia personale ed il risveglio muscolare.
Alle ore 8.00 colazione.
Alle ore 8.30 cerchio per intonare un canto e recitare una preghiera di inizio percorso.
Vengono date alcune informazioni rispetto al percorso ed agli indici di difficoltà.
La partenza è da Poggio Umbricchio e l’arrivo, dopo 8 Km. di tragitto, è a Fano Adriano.
L’arrivo viene previsto per le 13,30.
I partecipanti vengono accolti all’ostello dove dormiranno e riceveranno il sacchetto contenente il pranzo.
Il pomeriggio è dedicato alla visita turistica del paese di Fano Adriano, con illustrazione delle peculiarità di questo borgo che vanta una storia millenaria.
La sera l’Associazione “i Grignetti” di   Fano Adriano preparerà una cena ed al termine, ci sarà un intrattenimento a base di canti e di bans.
Si dorme all’Ostello di Fano Adriano.
La mattina di sabato, alle ore 7.00 c’è la sveglia, a cui fa seguito la pulizia personale ed il risveglio muscolare.
Alle ore 8.00 colazione.
Alle ore 8.30 cerchio per intonare un canto e recitare una preghiera di inizio percorso, come già avvenuto per l’inizio di partenza del giorno precedente.
Il percorso ha inizio da Fano Adriano e termine con Nerito di Crognaleto ed ha una lunghezza  di circa 8 Km.
Arrivo previsto alle ore 16.00.
Il pranzo sarà consumato orientativamente in località Prato Selva.
I partecipanti si sistemeranno al Centro di accostamento alla montagna “Le ginestre” del Parco Nazionale del Gran Sasso.
Il pomeriggio sarà dedicato alla visita di Nerito e dintorni, con particolare riferimento alle nuove strutture post sisma del 2016 messe a disposizione da privati in questa località.
La sera la Pro Loco di Nerito di Crognaleto organizzerà una cena (ore 20.00) a base di prodotti tipici e subito dopo ci sarà un intrattenimento con Fuoco di Bivacco (ore 21.30) .

La mattina di domenica alle ore 7.00 c’è la sveglia, a cui fa seguito la pulizia personale ed il risveglio muscolare.
Alle ore 8.00 colazione.
Alle 8.30 i partecipanti si recheranno nella chiesa del paese per assistere alla S.Messa celebrata per l’occasione a quell’ora.
Subito dopo partenza con un pullman messo a disposizione del Comune di Crognaleto che permetterà di raggiungere Campotosto. Partenza : ore 9.45. L’arrivo a Campotosto è previsto per le 10,40. La sosta per la visita del capoluogo e breve giro intorno al lago.
Alle ore 12.15 partenza da Campotosto ed arrivo ad Amatrice alle 12.45.
Pranzo alle 13.30.
Partenza da Amatrice alle 15.00.
Il ritorno viene fatto ripercorrendo la SS.80 :prima dell’imbocco alla discesa da Campotosto c’è una vendita di prodotti tipici (la Moscionara) dove è possibile, per i partecipanti, fare degli acquisti.
Alle 17.30 circa arrivo a Poggio Umbricchio.
La mini route è terminata.
E’ comunque consentito a quanti avessero un percorso lungo per il rientro alle proprie sedi di provenienza, di cenare e pernottare anche la sera della domenica, in modo da ripartire il lunedì mattina.

 

Canti e preghiere

Insieme

Insieme abbiam marciato un dì per strade non battute,
insieme abbiam raccolto un fior sull’orlo di una rupe.

Rit. : Insieme, insieme. E’ il motto di fraternità
         Insieme nel bene crediam
Insieme ci ha piegato un dì lo zaino che ci spezza,
insieme abbiam goduto alfin del vento la carezza.

Rit.:

Insieme abbiamo appreso ciò che il libro non addita,
abbiamo inteso che l’amor è il senso della vita.

Rit.:

L’appel de la Route

Elle est là, devant ta maison,
comme une amie,
et pendant la belle saison toute fleurie,
elle fuit jusqu’à l’horizon d’une fuite infinie.

Rit.: Ohè garcon, garcon! Toi qui cherches, toi qui doutes
prete l’oreille à ma chanson, entends l’appel de la route!

Quand la nuit aura, dans le bois, fait le silence
Tu t’endormiras sans emoi, plein d’espèrance
Et la voix du Segneur, en toi, sera ta recompense.

 

Strade e pensieri per domani

Sai, da soli non si può fare nulla, sai aspetto solo te
Noi voi tutti vicini e lontani insieme si fa…
sai, ho voglia di sentire la mia storia, dimmi quello che sarà
il corpo e le membra nell’unico amore, insieme si fa ….
Rit.: Un’arcobaleno di anime che ieri sembrava distante
        Lui traccia percorsi impossibili strade e pensieri per domani.

Sai, se guardo intorno a me, c’è da fare,
c’è chi tempo non ne ha più
se siamo solidi e solidali, insieme si fa ….
sai, oggi imparerò più di ieri, stando anche insieme a te
Donne e uomini non solo gente, e insieme si fa …..

Rit.: Un arcobaleno ….

Sai, c’è un’unica bandiera in tutto il mondo, c’è una sola umanità
se dici “pace, libero tutti” insieme si fa….
Sai, l’ha detto anche B.P. “lascia il mondo un po’ migliore di così”
noi respiriamo verde avventura e insieme si fa …..

Rit.: Un arcobaleno …..

 

Su ali d’aquila

Tu che abiti al riparo del Signore, e che dimori alla sua ombra
di al Signore mio Rifugio, mia roccia in cui confido.

Rit. : E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà
        Sulla brezza dell’alba ti farà brillar,
        come il sole, così nelle sue mani vivrai.

Dal laccio del cacciatore ti libererà,
e dalla carestia che ti distrugge
poi ti coprirà con le sue ali, e rifugio troverai.

Rit.: E ti rialzerà ….

Non devi temere i terrori della notte,
né freccia che vola di giorno
mille cadranno al tuo fianco, ma nulla ti colpirà.

Rit.: E ti rialzerò, ti solleverò, su ali d’aquila ti reggerò
        sulla brezza dell’alba ti farò brillar
        come il sole, così nelle mie mani vivrai.

 

 

Fratello Sole, Sorella Luna

Dolce sentire come nel mio cuore
Ora umilmente, sta nascendo amore.
Dolce capire che non son più solo
Ma che son parte di una immensa vita,
che generosa risplende intorno a me:
dono di Lui, del Suo immenso Amor.

Ci ha dato il cielo e le chiare stelle,
Fratello Sole e sorella Luna:
la madre Terra con frutti, prati e fiori
il fuoco, il vento, l’aria e l’acqua pura,
fonte di vita per le Sue creature:
dono di Lui, del Suo immenso amor,
dono di Lui, del Suo immenso Amor.